Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da 2009

Smantellare la centrale Enel della Valle del Mercure!

Di seguito pubblico l'ultimo comunicato del Forum delle associazioni contro la centrale. Abbiamo fatto un salto di qualità, perchè adesso pretendiamo che l'Enel smantelli l'impianto della centrale una volta per tutte per non ricreare in futuro altri problemi alle comunità locali. L'impianto va smantellato e bonificato dai rifiuti tossici presenti all'interno del sito. Questo è un avanzamento positivo, perchè se si deve lottare, non si può lottare a metà, ma si deve andare avanti fino alla fine. La democrazia e la partecipazione sono la nostra forza, l'amore per la nostra terra la nostra guida ideale!
Indio


COMUNICATO STAMPA


La Provincia di Cosenza non ha più il diritto di tacere!


La Centrale del Mercure è pericolosa per la salute ed è contraria agli interessi e ai diritti delle popolazioni della Valle del Mercure. Deve pertanto essere smantellata e il sito, dove attualmente sorge, essere recuperato alla sua vocazione naturalistica, all’interno del Parco del Pollin…

Biomasse, centrali e foreste... considerazioni di Franco Zunino

Questo articolo è stato scritto a settembre del 2009 e riguarda la questione della centrale biomasse dell’Enel.  Franco Zunino segretario diell'Associazione Italiana per la Wilderness e uno dei pionieri della conservazione della natura in Italia, riesce a fare luce sul concetto ambiguo di biomassa e sul paradosso di una centrale  del genere in un parco nazionale. Il grassetto è mio.
Indio

I boschi del Parco Nazionale del Pollino ed i progetti di centrali a biomasse.


 Già in precedenti lettere dello scorso anno è stato affrontato il problema relativo alle diverse centrali a biomasse in progetto (di nuova realizzazione o da riconversione) nell’area del Parco Nazionale del Pollino. Non si desidera entrare nel merito di questi progetti in sé per sé e di tutti i problemi sociali ed ecologici che essi possono comportare pro o contro la loro realizzazione (produzione di energia, creazione di posti dilavoro, effetti inquinanti a danni delle popolazioni locali e dell’ambiente in genere) bens…

Come abbiamo sconfitto l'Enel

foto della grande manifestazione del 5 settembre, by Indio


La lotta contro la centrale Enel nella Valle del Mercure 
(pubblicato anche sul sito www.mercantedivenezia.org)
La centrale Enel della Valle del Mercure è situata tra Calabria e Basilicata all’interno del Parco Nazionale del Pollino. L’impianto aveva funzionato negli anni sessanta prima a lignite e poi ad olio combustibile. Già negli anni sessanta, anche quando non esisteva il parco nazionale la comunità della Valle del Mercure aveva condotto contro la centrale una battaglia molto dura. L’impianto rimase in funzione fino a metà degli anni ’90, poi chiuse. E’ di circa cinque anni fa il tentativo dell’Enel di riaprire l’impianto convertendolo a biomasse e a CDR (combustibile derivato da rifiuti). Anche all’epoca la popolazione del territorio del Pollino si mobilitò ed evitò la riapertura della centrale. L’Enel ci ha riprovato nell’estate di quest’anno, proponendo che l’impianto funzionasse a 35 invece che a 50 megawatt ed ottenend…

Quanto ci costa Arte Pollino...

la giostra realizzata da Holler, fonte internet

Le opere realizzate dal progetto Arte Pollino tramite le vedute lungimiranti dei nostri amministratori della Regione Basilicata, oltre che inutili e secondo me anche dannose per il paesaggio (ne sono esempi il Teatro Vegetale a Noepoli e l'orribile giostra di Holler a San Severino Lucano) sono pure parecchio costose. Ma andiamo per ordine. Quali sono i vantaggi ottenuti dalla popolazione locale da queste "Grandi Opere?" Non il turismo, visto che un turista va in un parco nazionale per visitare le sue bellezze paesaggistiche e culturali e non per ammirare l'Arte Contemporanea. Non l'illuminazione del messaggio del Grande Artista che a differenza di noi poveri cristi sa cose che noi poveri umani nemmeno immaginiamo: non ci voleva Holler per capire che la civiltà dei consumi ci abitua alla frenesia, alla velocità e ci svia dalla contemplazione. Non ci vuole certo la sua giostra ma il contatto con l'ambiente naturale…