Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da 2013

Come valorizzare il paesaggio artisticamente... deturpandolo! Una riflessione di Ivano Togni

Ecco come, nel nome della "valorizzazione" delle aree naturali, si deturpano aree fino a poco tempo fa integre... Indio di Ivano Togni  (tratto da facebook)
...Questi mi spaventano:
http://www.montefeltroveduterinascimentali.eu/


...Sono così infervorati dal paesaggio che guardano, da non accorgersi del paesaggio che "mettono sotto i piedi"!
Qui ad esempio era pieno di orchidee del genere Oprhys, costituivano un habitat prioritario tutelato dalla Direttiva Habitat (6210 - Formazioni erbose secche seminaturali e facies coperte da cespugli su substrato calcareo (Festuco-Brometalia) * stupenda fioritura di orchidee) quindi oltre ad essere un arredo deturpante di un paesaggio naturale, ritengo possa essere pure in contrasto con le misure di conservazione della suddetta direttiva.
Nelle due foto: Monte S. Gregorio, loc. Tausano di S. Leo (Rimini), com'era fino al 2012, e com'è oggi (nella foto con ringhiere e pannello illustrativo).
http://ambiente.regione.e…

Croci e statue sulle cime delle montagne

Croci,  madonnine, targhe di metallo, targhette di marmo, e altre cose, rappresentano una violazione all'aspetto incontaminato delle cime. La cosa migliore per rispettare le vette è che ognuno non vi ponga proprio nulla. Quando arrivo in cima ad una montagna voglio solo vedere un mucchietto di sassi, che mi indichino l'arrivo alla meta... e basta!

Video by Indio (girato nell'Appennino Tosco-Emiliano)






Orso marsicano e radiocollari: no a nuove catture!

Al Ministero dell'Ambiente Al Parco Nazionale d'Abruzzo All'ufficio regionale del PATOM-Abruzzo E A TUTTE LE AUTORITA' COMPETENTI Lettera aperta (inoltrata anche in forma cartacea ai vari uffici di Protocollo) e, c.c:  ad Associazioni Ambientaliste, uffici, stampa e personalità competenti Oggetto: Progetto Life ARCTOS - settore Orso marsicano: rischio di nuove catture. E' giunta alla scrivente Associazione la notizia che i ricercatori del Progetto Life ARCTOS, si accingerebbero a catturare tutti gli orsi marsicani ai quale erano stati messi i radiocollari, in quanto sarebbero risultati troppo stretti, per cui dovranno essere allentati. Spiace dover notare come una tale notizia butti un'ombra di discredito su chi ha provveduto a suo tempo a munire di radiocollari detti orsi, denotando un apparente incompetenza agli occhi dell'opinione pubblica. Tanto più in considerazione del fatto che sono ormai anni che si praticano tali operazioni. La scrivente …

Un documento per l'orso bruno marsicano

Ambientalismo venatorio

Tratto da: Wilderness Documenti luglio/settembre 2013 (anche su: http://www.wilderness.it/doc_2.asp?p=d&key=762#.UkSryX-yMm8).



Sulla caccia voglio qui portare la mia esperienza personale: prima di aderire all’AIW anch’io ero un po’ dubbioso su quest’attività (sebbene non sia mai stato in realtà un ambientalista anticaccia, anche perché figlio di un cacciatore che mi ha trasmesso la passione per la natura). Aderii alla proposta conservazionista dell’AIW pur mantenendo un punto di vista sempre critico (critico non significa negativo) sulla caccia. Pur rimanendo convinto della necessità di mantenere chiuse alla caccia molte aree (parchi e riserve), anche per le stesse esigenze di conservazione della fauna e tenendo conto anche della diversità del contesto italiano sono d’accordo sulle misure di caccia selettiva nei parchi verso specie invasive, tanto che ho sollecitato, per esempio, un intervento anche dell’AIW sulla questione dei cinghiali nel Parco del Pollino. Sono anc…

Ancora sulla sentieristica nel Pollino

Son passati circa tre anni dall'inizio dei lavori della sentieristica nel Parco Nazionale del Pollino. Chi scrive, aveva già avanzato delle critiche tempo fa. Cercherò di riprendere la questione mostrando lo stato attuale della situazione e i risultati dei lavori, senza volontà di polemica ma cercando di inquadrare semplicemente il problema, da escursionista appassionato del Pollino e da "conservazionista". Ho potuto fare dei sopralluoghi soprattutto nel versante lucano del Parco, escludendo i monti dell'Orsomarso e gran parte del versante calabro. Lasciamo perdere anche i ponti coi piloni di cemento sul fiume Argentino, che hanno scatenato le critiche di associazioni come Wilderness Italia e Italia Nostra... Restando sul Pollino, ciò che salta subito agli occhi all'escursionsita sono  i pali senza tabelle disseminati lungo i sentieri: uno spettacolo che dà l'idea dell'abbandono, di qualcosa di incompiuto,  e se i pali restano così a segnalare il nulla s…

La Calabria che non ti aspetti! - Sui sentieri dei briganti (video di Rosario Citriniti)

Seminare per l'orso

Parchi più piccoli ma più seri