Passa ai contenuti principali

Sentieristica a colpi di ruspa nelle Murge di Sant'Oronzo


La scrivente associazione ha appreso recentemente da alcuni appassionati naturalisti che conoscono bene le Murge di Sant’Oronzo (area frequentata dal Grifone e dal Capovaccaio) di alcuni lavori di “ripristino della sentieristica” (per la cifra di un milione di euro!) effettuati dall’Ente Parco dell’Appennino Lucano. Come si è avuto modo di vedere dalle foto diffuse su Facebook e in base alle testimonianze degli escursionisti che hanno fatto il sopralluogo, il fantomatico “ripristino” sarebbe stato fatto con le ruspe, ovvero creando ex novo delle strade. La zona, sempre secondo testimonianze attendibili di chi la conosce, era integra e selvaggia prima dei lavori. Per quanto riguarda il sentiero, non si ricorda di aver visto nessun accenno di percorso nemmeno rigorosamente a piedi sul versante violato. Chiedendo a fondo a vecchi pastori, l'unico sentiero percorso esclusivamente da animali da pascolo, é quello che partendo dall'altopiano, scende a lato della Tavolalella fino all'Agri.

Di regola come richiedono il buon senso e la tutela ambientale, “ripristino della sentieristica” significa risistemare i sentieri già esistenti, ovvero fare piccoli interventi di pulitura, con rimozione di rami secchi o pietre, taglio di rovi e apposizione di segnaletica ridotta al minimo indispensabile. Di norma, per i lavori di “ripristino della sentieristica” non servono ditte e ingegneri, basta usufruire delle competenze e del lavoro di guide preparate, operai forestali e associazioni locali di escursionismo.

Pare invece incredibile che un Ente preposto alla tutela ambientale abbia autorizzato uno scempio simile, che come rilevato anche da altre associazioni (leggasi questo intervento di Legambiente http://www.regione.basilicata.it/giunta/site/giunta/detail.jsp?otype=1012&id=3014078 ) è un'opera del tutto indifendibile. Un sentiero se c'è deve restare un sentiero, non può trasformarsi in una strada... Se il sentiero invece non esiste, a maggior ragione non è giustificato l'intervento della ruspa!

La domanda che sorge è sempre la stessa in questi casi: cosa stanno diventando i nostri parchi nazionali? I parchi erano nati con l'obiettivo di conservare la natura, per un turismo sostenibile... oggi sembrano diventati aree da "valorizzare" con strade, macroattrattori, polifunzionali e cattedrali nel deserto varie, per la gioia di ditte edili e progettisti. Questa è la triste realtà e spesso (purtroppo) è tutto legale....

L’unica cosa che ci auguriamo è che l’Ente Parco cerchi di rimediare a questo scempio in modo da ripristinare i luoghi il più fedelmente possibile allo stato originario, anche se ci si rende conto che dopo gli sbancamenti delle ruspe… nulla resta come prima.

Saverio De Marco
 

Delegato Regionale AIW 
(Associazione Italiana Wilderness)
















 (foto di Luigi Apicella)

Commenti

Post popolari in questo blog

Gli sfregi sui faggi di Cozzo Ferriero: quando la scienza è insensibile alla bellezza

Nei giorni scorsi la guida del Parco Giuseppe Cosenza aveva segnalato il ritrovamento di incisioni sulla corteccia nei faggi di Cozzo Ferriero, faggeta dichiarata patrimonio Unesco. Fin da subito  gli escursionisti e naturalisti che amano il Parco, commentando le foto su Facebook hanno notato che quelle incisioni non potevano essere l'opera di un pazzo, perchè erano state fatte con sistematicità. L'ipotesi era quindi che fossero state fatte da alcuni ricercatori.  Si apprende da "La Siritide" (http://www.lasiritide.it/art.php?articolo=14339) tramite il funzionario dott. Schettino, che tali incisioni che hanno sfregiato quei bellissimi faggi secolari sono effettivamente il risultato di studi scientifici. Appreso questo ci dovremo tranquillizzare? Altrochè, tutt'altro. Anzi, corre l'obbligo di aprire una riflessione su questa vicenda e più in generale sul rapporto tra scienza e tutela della natura. Se uno sfregio sull'albero col coltello lo fa un turista s…

Fiume Frido, lo scempio è iniziato

Le variazioni casuali in Darwin