Passa ai contenuti principali

Quando la sentieristica deturpa i luoghi naturali: l'obbrobrio del sentiero di Ponte d'Ilice




E' noto come ormai nei parchi nazionali, soprattutto quelli del sud, abbia preso piede una strana idea di "sentieristica", che prevede non il puro e semplice ripristino dei tracciati con una segnaletica ridotta al minimo, ma sentieri ricolmi di panchine, staccionate, aree pic-nic, tabelle inutili, torrette panoramiche e chi più ne ha più ne metta (oltre all'uso di ruspe e piazzole di cemento, come è avvenuto in Val d'Agri nelle Murge di Sant'Oronzo). Un esempio di questa tipologia di sentieristica è il sentiero che arriva a  Ponte d'Ilice dalla parte di Civita. Anni fa, durante la seconda edizione del "trekking dei briganti", avevo percorso parte di questo sentiero (nella zona prossima alle Gole e al ponte) ed ero rimasto affascinato dalla bellezza di questi posti. L'estate scorsa durante un'escursione ho potuto invece appurare che quegli stessi luoghi sono stati banalizzati, addomesticati e deturpati. Il mio stato d'animo era lo stesso della canzone di Guccini "Il vecchio e il bambino", nostalgico verso la bellezza incontaminata di un tempo...
Lungo il percorso si incontrano numerose tabelle, panchine, decine di cestini di rifiuti, gradini interminabili e una lunga fila di inutili staccionate (vedere anche l'articolo della guida Emanuele Pisarra, che ha esaminato l'opera da un punto di vista più tecnico, sul suo blog: http://paroladiacalandros.blogspot.it/2016/07/il-sentiero-del-ponte-dilice.html ).
Un percorso escursionistico non è un'area pic-nic; non servono le panchine e né cestini di rifiuti ogni 20 metri, visto che nell'escursionismo, come sa chi pratica questa attività,  i rifiuti si mettono nello zaino per riportarseli a casa. Il sentiero di Ponte d'Ilice, da escursionistico, come doveva restare (quantomeno nella parte più vicina alle gole!), è stato trasformato in un banale percorso turistico. C'è da dire anche che essendo un sentiero di bassa quota, fra un po' si riempirà di rovi: in proposito, va detto che invece che affidare ad una ditta il "rispristino" di questo sentiero si potevano spalmare quei soldi (ben 170.000 euro) al fine di una manutenzione minima e costante, che si limitasse a ripulire i rovi e i cespugli, a risistemare gli antichi muretti a secco e ad apporre qualche segnale. Il buon senso e le norme generali sul ripristino dei sentieri vorrebbero che la sentieristica fosse affidata a guide escursionistiche competenti, o ad altre associazioni (come il CAI). Da stigmatizzare ovviamente anche il mancato intervento dell'Ente Parco, che essendo un ente rivolto alla tutela, dovrebbe far rispettare i criteri che nelle aree protette dovrebbero essere seguiti nell' ideazione dei sentieri.
Sentieri attrezzati e messi in sicurezza con lunghe fila di staccionate, panchine e cestini dei rifiuti (come in un parco urbano!) rappresentano una violazione all’aspetto rurale e selvaggio di certi luoghi. Qualcuno dirà che le staccionate sono state previste per una questione di sicurezza. La verità è che in questi casi certe opere servono solo a giustificare i soldi spesi! La quasi totalità di quelle staccionate sono inutili, come già ribadito e la sicurezza inoltre, non dev’essere un’ossessione. Gli americani parlano di “diritto al rischio”: rendere “turistico” un sentiero per escursionisti esperti significa eliminarne il fascino e il senso dell’avventura che promana da quei luoghi selvaggi. Il sentiero del Ponte d'Ilice era appunto questo, un connubio perfetto di ruralità (ne sono un esempio i bellissimi muretti a secco che delimitano il sentiero) e natura selvaggia (l'ambiente delle Gole).
C'è da augurarsi intanto che il comune di San Lorenzo Bellizzi non faccia le stesse scelte per la parte di sentiero ricadente nel suo territorio e che, in generale, prima o poi il ripristino della sentieristica sia fatto tutelando l'aspetto integro dei luoghi e non si risolva invece nel loro abbrutimento, come è stato fatto in questo e in altri casi...

Saverio De Marco

Consigliere Nazionale di Associazione Italiana Wilderness

Guida Ambientale Escursionistica


*foto by Indio, scattate nel luglio 2016


fra un po' si riempirà di rovi...






Commenti

Post popolari in questo blog

Gli sfregi sui faggi di Cozzo Ferriero: quando la scienza è insensibile alla bellezza

Nei giorni scorsi la guida del Parco Giuseppe Cosenza aveva segnalato il ritrovamento di incisioni sulla corteccia nei faggi di Cozzo Ferriero, faggeta dichiarata patrimonio Unesco. Fin da subito  gli escursionisti e naturalisti che amano il Parco, commentando le foto su Facebook hanno notato che quelle incisioni non potevano essere l'opera di un pazzo, perchè erano state fatte con sistematicità. L'ipotesi era quindi che fossero state fatte da alcuni ricercatori.  Si apprende da "La Siritide" (http://www.lasiritide.it/art.php?articolo=14339) tramite il funzionario dott. Schettino, che tali incisioni che hanno sfregiato quei bellissimi faggi secolari sono effettivamente il risultato di studi scientifici. Appreso questo ci dovremo tranquillizzare? Altrochè, tutt'altro. Anzi, corre l'obbligo di aprire una riflessione su questa vicenda e più in generale sul rapporto tra scienza e tutela della natura. Se uno sfregio sull'albero col coltello lo fa un turista s…

Fiume Frido, lo scempio è iniziato

Le variazioni casuali in Darwin