Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Dicembre, 2010

Rimboschimenti: non usate il pino loricato! di Emanuele Pisarra

Ill.mo Sig.presidente  Ente Parco Nazionale del Pollino  85048 ROTONDA (PZ)
LETTERA APERTA

Non usate il Pino Loricato!

Ch.mo Presidente, apprendo da notizie di stampa e con molta gioia che – finalmente – l’Ente da Lei presieduto ha intenzione di avviare un progetto di rimboschimento di cinque mila piante grazie anche al sostegno economico di Lottomatica. Si dice che questo rimboschimento aiuterà ad abbattere i gas serra. Si dice anche che questa iniziativa è svolta nello spirito del Protocollo di Kyoto. Infine, si legge, che tra le specie utilizzate per il rimboschimento ci sarà il pino loricato.
Riguardo i primi due punti mi permetta di dissentire in quanto penso che cinquemila piante non hanno nessun effetto e non riducono se non di una percentuale infinitesimale i gas serra, mentre allo stesso tempo numerosi comuni ricadenti all’intero del perimetro del Parco1
1 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA - VENDITA MATERIALE LEGNOSO - “Bosco ceduo matricinato in lotto boschivo Mancosa” (comune d…

Pinus leucodermis “domesticus”… nel nome di Kyoto!

pinus leucodermis - foto by Indio
Si è appreso da vari organi di informazione che l’Ente Parco ha in mente un progetto di riforestazione in località “Castellana”, in agro del comune di Rotonda.  L’iniziativa nasce all’interno del programma “Parchi per Kyoto”, “organizzazione Onlus nata per fornire un contributo alla tutela e alla valorizzazione dell’ambiente anche in termini di formazione, istruzione e ricerca scientifica (…) Tra gli obiettivi del Comitato Parchi per Kyoto vi è quello di individuare, all’interno di Parchi nazionali e internazionali, regionali, urbani e periurbani, aree idonee a ospitare interventi di forestazione quale contributo all’attuazione del Protocollo di Kyoto. Nel suo primo anno di attività Parchi per Kyoto si è posto l’obiettivo di mettere a dimora almeno 250.000 alberi in Italia e nei Paesi in via di sviluppo, per ottenere un assorbimento di CO2 stimato cumulativamente in 175.000 tonnellate” . L’iniziativa, come si vede, è in linea con quella “mentalità diffu…

Orsi e cani randagi

Comunicato Stampa ORSO BRUNO MARSICANO E CANI RANDAGI Un falso problema gonfiato via web! Quello dell'aggressione di un branco di cani alla femmina di Orso bruno marsicano accompagnata da tre cuccioli, già divenuta famosa nel mese scorso per il suo incontro "ravvicinato" con un'automobile, è un fatto come i tanti che sono sempre successi, e che a volte sono stati la causa di perdita di orsacchiotti, da che nella terra dell'orso esiste la pastorizia. La diversità è che in questo caso l'aggressione è stata osservata direttamente da persone attente alla difesa dell'orso (i tanto vituperati "cacciatori cattivi", che hanno anche cercato di difendere gli orsi: ma questo pochi lo hanno evidenziato!), poi diffusosi ed amplificato via web, quel web che non esisteva fino a qualche decennio fa, per cui solo i pastori ne erano a conoscenza. Intanto il Parco Nazionale d'Abruzzo, che fa? Anziché dire chiaro e tondo che i cani randagi (perché di cani randagi s…

Centrale Enel: le bugie hanno le gambe corte

Centrale del Mercure, Forum Stefano Gioia, le bugie dei sostenitori dell’Enel hanno le gambe corte13 DICEMBRE 2010 Il Commissario Europeo Janez Potočnik ringrazia l’on.De Magistris dei chiarimenti resi e interroga l’Italia sulla Centrale Enel della Valle del Mercure. Si comincia dunque ad agitare lo spettro del Procedimento di Infrazione per violazioni alle norme comunitarie. Con buona pace dell’Enel e dei suoi supini sostenitori, primo tra tutti il sindaco di Castelluccio inferiore, che avevano straparlato di un avallo della Commissione Europea al predatorio e disastroso progetto della centrale. Le bugie hanno le gambe corte e perciò non vanno lontano. Le cose per Enel continuano a mettersi sempre peggio, dopo i numerosissimi ricorsi contro il provvedimento autorizzativo concesso dalla Regione Calabria, che tanto scalpore e sconcerto aveva destato per l’evidente sostegno a tesi, quelle dell’Enel, insostenibili ed indifendibili. Ricorsi presentati da Regione Basilicata, Ente Parco, Sin…

I Parchi e... la speculazione: convegno dell'APT a Potenza

dal sito di Ola ambientalista
Il business del parchi presentato ieri a Potenza dall’APT12 DICEMBRE 2010 [Ipse dixit] Nella sala del “Motel Park” erano presenti i soli addetti ai lavori convocati dal director manager dell’APT, Giampero Perri, (Agenzia Promozione Turistica Basilicata) che ha presentato alcuni dei nuovi progetti rientrati nel nuovo business del parchi: uno scivolo di montagna a Viggiano, nel parco nazionale Appennino Lucano,un percorso tra gli alberi a Terranova di Pollino (parco nazionale del Pollino) uno skyftier(una sorta di teleferica) a San Costantino Albanese (parco nazionale del Pollino). Progetti questi finanziati con fondi europei e regionali. Nel corso della giornata, durante la quale il richiamo alle finalità dei parchi é sembrato essere solo il nome della struttura ospitante (Motel Park), Perri ha affermato:  “é importante non imbruttire né avvelenare il paesaggio, instaurando un corretto rapporto tra l’uomo e l’ambiente“.  Non pensiamo che questa affermazione …

COMUNICAZIONI PERIODICHE AIW

COMUNICAZIONI PERIODICHE AIW Inviate a: CONSIGLIERI NAZIONALI, DELEGATI REGIONALI e PROVINCIALI, PRESIDENTI e/o SEGRETARI DI SEZIONE, SOCI AIW Murialdo, 12 Dicembre 2010

1. Durante un escursione ad un noto biotopo di Tasso (Taxus baccata) ubicato nell'Area Wilderness Monti Ernici Orientali, il Presidente ed il Segretario Generale hanno potuto scoprire la presenza. di un esemplare da ritenersi ultramillenario sia per le sue dimensioni (3,70 metri di circonferenza) sia per lo stato vegetativo che presenta. Il biotopo sarà presto proposto al Comune di Sora come Zona di Tutela Ambientale interna all'Area Wilderness. 2. Il grano seminato nel terreno dell'AIW di Pescasseroli è già apparso in grande quantità nonostante il ritardo con cui fu fatta l'operazione. A primavera si potrà meglio constatare il risultato dell'iniziativa. Intanto "Lillino" Finamore ha rinforzato la recinzione, che era stata allentata durante la semina a causa delle difficoltà di movimento del …

Nuove aree wilderness esterne al Parco d'Abruzzo

Continua la designazione di aree wilderness nelle zone montane esterne al Parco d'Abruzzo. Tale misura di protezione della natura, alternativa a quella dell'ampliamento del Parco Nazionale, ha luogo mediante il coinvolgimento diretto dei comuni nell'autotutela del proprio territorio in collaborazione con l'AIW. E' al vaglio, per quanto riguarda il Lazio, la proposta di una regge regionale per le aree wilderness che stabilisca anche un indennizzo ai comuni che decidono di porre vincoli conservativi sul proprio territorio, quale misura democratica tesa a favorire la partecipazione della comunità locale alle misure di salvaguardia... Indio

COMUNICATO STAMPA
UN GRANDE SUCCESSO PER L’AIW NEL FRUSINATE Nell’ambito del Parco Nazionale d’Abruzzo ed al suo esterno DESIGNATA L’AREA WILDERNESS “MONTE CAVALLO”!
Monte Cavallo - foto di F. Zunino
Il Comune di San Biagio Saracinisco, con deliberazione del Consiglio comunale approvata all’unanimità, il 29 novembre scorso ha approvato la …

COMUNICAZIONI PERIODICHE AIW

COMUNICAZIONI PERIODICHE AIW Inviate a: CONSIGLIERI NAZIONALI, DELEGATI REGIONALI e PROVINCIALI, PRESIDENTI e/o SEGRETARI DI SEZIONE, SOCI AIW Murialdo, 3 Dicembre 2010 1. Continua l'assalto ai Parchi Nazionali del Sud. Ora tra quello dell'Appennino Lucano e quello del Pollino è stato indetto un bando per la realizzazione di un "ponte tibetano" in una bellissima gola selvaggia. L'AIW ha inviato una lettera di protesta ai due Parchi, ai Ministeri competenti ed alla Regione Basilicata, cogliendo l'occasione per una pesante critica al modo tutto italiano di intendere i Parchi quali aree di sviluppo anziché di conservazione! 2. Da parte di una production televisiva che lavora per incarico del canale Sky Caccia e Pesca, Franco Zunino è stato nuovamente intervistato sul problema del Lupo nelle Alpi. L'intervista sarà inserita in un servizio sulla fauna delle Alpi occidentali che però non andrà in onda prima di un anno. 3. E' stata presentata una proposta di Area…