Passa ai contenuti principali

Centrale Enel del Mercure: la vittoria dei comitati insegna

manifestazione del 5 settembre 2009 (da: www.notiziedaiparchi.it)

COMUNICATO STAMPA
Giustizia è fatta! La sesta sezione del Consiglio di Stato ha messo la pietra tombale sul demenziale progetto della riattivazione della Centrale Enel della valle del Mercure. Solo la lettura della sentenza – la n.04400/2012 del I agosto 2012- (www.giustizia-amministrativa.it/DocumentiGA/Consiglio%20di%20Stato/Sezione%206/2012/201202490/Provvedimenti/201204400_11.XML) può far capire l’interminabile serie di “irregolarità” che hanno caratterizzato l’iter autorizzativo. E che sono stati puntualmente denunciati -noi in prima linea- da chi ha sempre tutelato legalità, giustizia, interessi reali delle popolazioni della Valle. Adesso è tempo di festeggiare! Ma è anche tempo di riflessione. Enel dovrebbe pur chiedersi chi e perché, al suo interno, abbia voluto questo disgraziato progetto, supportandolo oltre ogni ragionevole e giuridicamente sostenibile limite. Dilapidando, in tal modo, svariati milioni di euro e dando l’ennesimo colpo a una immagine aziendale che, dopo scandali più o meno recenti, si è dimostrata, ancora una volta, cinicamente aggressiva, sorda alle necessità dell’ambiente prezioso e protetto del Parco Nazionale del Pollino e ai diritti di intere popolazioni. Altro che “energia che ti ascolta”! E dovrebbero riflettere anche quei politici e politicanti, a cominciare da quelli di alto e altissimo rango, invischiati nel sostenere interessi che non erano quelli delle popolazioni che li hanno eletti. E speriamo, ora che la giustizia amministrativa ha fatto il suo corso, che altri ambiti della magistratura vogliano valutare la liceità di tante inopinate decisioni. Ma il Mercure, vertenza-simbolo in Italia e oltre, non è solo uno splendido punto di arrivo per chi crede nella intangibilità di diritti fondamentali –giustizia, legalità, lavoro, salute, sicurezza sociale. E’ anche una vicenda che indica la necessità di vigilare costantemente per difendere questi diritti e che dovrebbe suggerire a chi non ha saputo o voluto tutelarli di fare un “passo indietro” rimettendo quei mandati, primi tra tutti quelli connessi al governo del territorio (senza infingimenti ci riferiamo in particolare agli Organi –tecnici e politici- di governo del Parco del Pollino) che non sono stati onorati come avrebbero dovuto. Non vogliamo continuare ad inseguire altri “Mercure”, e per far questo occorrono uomini appassionati e competenti che difendano il nostro territorio in primo luogo attraverso lo sviluppo economico ed occupazionale vero, in linea con le sue vocazioni turistiche ed agroalimentari.
Agosto 2012 

Forum “Stefano Gioia”
delle Associazioni e Comitati calabresi e lucani per la tutela della legalità e del territorio 

Commenti

  1. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Fiume Frido, lo scempio è iniziato

Gli sfregi sui faggi di Cozzo Ferriero: quando la scienza è insensibile alla bellezza

Nei giorni scorsi la guida del Parco Giuseppe Cosenza aveva segnalato il ritrovamento di incisioni sulla corteccia nei faggi di Cozzo Ferriero, faggeta dichiarata patrimonio Unesco. Fin da subito  gli escursionisti e naturalisti che amano il Parco, commentando le foto su Facebook hanno notato che quelle incisioni non potevano essere l'opera di un pazzo, perchè erano state fatte con sistematicità. L'ipotesi era quindi che fossero state fatte da alcuni ricercatori.  Si apprende da "La Siritide" (http://www.lasiritide.it/art.php?articolo=14339) tramite il funzionario dott. Schettino, che tali incisioni che hanno sfregiato quei bellissimi faggi secolari sono effettivamente il risultato di studi scientifici. Appreso questo ci dovremo tranquillizzare? Altrochè, tutt'altro. Anzi, corre l'obbligo di aprire una riflessione su questa vicenda e più in generale sul rapporto tra scienza e tutela della natura. Se uno sfregio sull'albero col coltello lo fa un turista s…

Centrale idroelettrica del Frido: il fiume si tutela, non si svende per produrre energia